Esprimo solidarietà e vicinanza a nome mio e di tutta la Città di Venezia al Patriarca Francesco Moraglia per l’ignobile attacco di cui è stato vittima. Un vile messaggio che offende non solo lui e il suo operato, ma tutta Venezia e i suoi cittadini che, in questi giorni, vivono, con preoccupazione, i risvolti della delicata questione dei migranti di Cona. Una problematica che, anche grazie all’intervento di Moraglia, ha trovato una soluzione evitando alla Città di restare vittima di inevitabili scontri tra migranti e Forze dell’Ordine.
Chi, con toni così oltraggiosi, tenta di screditare la quotidiana opera cristiana del Patriarca, non può che trovare la mia ferma condanna e auspico che gli autori materiali di un così becero attacco vengano quanto prima identificati e puniti.