GIUDECCA

Cannaregio, Dorsoduro, Giudecca, S.Marco, San Polo, Santa Croce, Sant’Elena, Castello…

  1. Revisione del regolamento del traffico acqueo attraverso un confronto partecipativo tra tutte le categorie interessate.
  2. Intervento quotidiano dei vigili urbani contro tutti i venditori abusivi ambulanti per debellare tale fenomeno che squalifica l’intera città.
  3. Accesso privilegiato sui vaporetti per chi vive, lavora o studia a Venezia, con l’aggiornamento del sistema di imbarco nei pontili, riaprendo quelli sospesi o dismessi.
  4. Promozione dell’agibilità di circolazione di piccoli natanti dei residenti in centro storico e nelle isole e della realtà delle remiere, come da tradizione secolare.
  5. Promozione degli impianti sportivi, loro ristrutturazione, recupero e messe a norma delle strutture esistenti
  6. Blocco e ritiro del progetto del Parco della Laguna Nord
  7. Rifinanziamento della fiscalità di vantaggio per il recupero e la ristrutturazione delle abitazioni, perché Venezia deve rimanere una città “di preminente interesse nazionale”.
  8. Grande opera di pulizia dei rii con la creazione di un impianto di fognatura per l’intera città.
  9. Fiscalità di vantaggio (Irpef, Tares, Tasi, Imu e altro) per le attività di artigianato artistico e per i negozi di vicinato e di prossimità che si rivolgano ai residenti, con orari di apertura adeguati e che non si convertano a negozi di souvenir.
  10. Controllo completo di tutte le proprietà immobiliari del Comune e degli Enti, in particolare sulle “case popolari” per dare risposte ai bisogni dei cittadini e piano di social housing per le giovani coppie veneziane.
  11. Non più le grandi navi davanti al bacino di San Marco, ma arrivo in Marittima attraverso Malamocco e il Canale Vittorio Emanuele.