MARGHERACATENE

  1. Un piano per il ripristino del decoro e della sicurezza in città, oggi carente.
  2. Un grande progetto strategico per la riqualificazione industriale (compatibile con l’ambiente) con la creazione di molti nuovi posti di lavoro.
  3. Estensione della zona franca urbana ad almeno 110 ettari per garantire vantaggi per chi vuole investire al Porto.
  4. Tolleranza zero per la prostituzione di strada, specie in via Fratelli Bandiera e nelle zone limitrofe.
  5. Revisione della gestione del sistema della case popolari per eliminare le illegalità e ripristinare il diritto ad una casa dignitosa ad un prezzo accessibile.
  6. Rilancio delle attività culturali, non solo in Piazza Mercato, per far sì che i cittadini tornino ad appropriarsi degli spazi, oggi lasciati al degrado.
  7. Garantire i collegamenti autobus evitando tagli indiscriminati delle corse
  8. Creazione di un asse, anche urbanistico, che colleghi Marghera a Mestre, attraverso via Ulloa, superando la divisione dalle Ferrovia.
  9. Promozione delle associazioni sportive e migliore gestione delle strutture, che vanno messe a norma e omologate per le competizioni.
  10. Realizzazione e avvio della Piscina di Marghera
  11. Forte impegno nei confronti del Governo per riaprire il distaccamento dei Vigili del fuoco di Marghera, chiuso da 3 anni.
  12. Recupero del progetto originario della “città giardino” con il miglioramento dell’arredo pubblico e l’aumento del verde.