Visita ufficiale questa mattina del Capo dello Stato, Sergio Mattarella alla 57. Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia “Viva Arte Viva”, a cui hanno partecipato anche il ministro dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, Dario Franceschini e il ministro dell’Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan. Il presidente della Repubblica, accompagnato dalla figlia Laura, è stato accolto in Campo della Tana dal presidente della Biennale Paolo Baratta, dal presidente della Regione Veneto Luca Zaia, dal sindaco di Venezia Luigi Brugnaro e dal prefetto della città Carlo Boffi.

Guidata dalla curatrice della Mostra, Christine Macel, la delegazione presidenziale ha percorso gli ambienti espositivi, prima all’Arsenale di Venezia e poi ai giardini della Biennale. Dopo aver visitato il Padiglione Italia, il Capo dello Stato si è soffermato nell’area educational della Biennale, dove bambini di diverse fasce di età erano intenti a dar forma alle loro creatività.

Proprio in mezzo ai bimbi il presidente Mattarella ha commentato: “L’Italia è un Paese che ha una quantità di profili estremamente dinamici e positivi, molto più di quanto non si pensi abitualmente, che vanno dalla cultura dall’arte dall’economia alla vita sociale e concludere questa visita con dei bambini che stanno esprimendo la loro capacità artistica, che è sempre elevata, è simbolicamente importante”.

“Ringraziamo il presidente della Repubblica – ha dichiarato al termine della visita il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro – perché dimostra un’attenzione specifica e particolare alla città di Venezia. Ci siamo messi a disposizione per riuscire a renderla sempre più bella e sicura per affrontare una competizione internazionale che si farà sempre più dura e veloce. Facendo squadra con tutte le istituzioni possiamo creare le condizioni perché arrivino gli investimenti e quindi il lavoro”.

Il primo cittadino, che nella prima parte della mattina ha avuto un incontro privato con il presidente Mattarella, in cui sono stati affrontati diversi temi per il futuro della città, ha sottolineato come l’Italia, a nome del Presidente, metta Venezia al centro della cultura e dei rapporti internazionali. “E’ la continuazione del percorso di rilancio della città”, ha concluso il sindaco.