Cattura
HOME  /  NEWS

La Giunta approva la gratuità degli spazi per i mesi da marzo a maggio per tutte attività economiche condotte in immobili di proprietà del Comune Zuin: “Una boccata d’ossigeno per delle realtà che hanno abbassato le saracinesche per tutto il lockdown”

La Giunta comunale, riunitasi nei giorni scorsi in web conference, ha approvato, la delibera con si definiscono i criteri per erogare un sostegno alle attività economiche condotte in immobili di proprietà del Comune di Venezia e che, a seguito delle limitazioni introdotte a livello nazionale e regionale durante il periodo di lockdown legato alla pandemia da Coronavirus, hanno dovuto chiudere.

“Con questa procedura – commenta l’assessore al Bilancio Michele Zuin – diamo una boccata d’ossigeno a tutte quelle botteghe e attività commerciali condotte all’interno di spazi comunali, che durante il periodo di emergenza epidemiologica hanno dovuto sospendere integralmente l’attività.

Nello specifico, quindi, su precisa indicazione del Sindaco Luigi Brugnaro, abbiamo ritenuto di non richiedere il pagamento del dovuto per i mesi di marzo, aprile e maggio a patto che le attività economiche rientrassero tra quelle costrette alla chiusura, risultassero essere attive e non essere sottoposte a procedure di liquidazione (compresa la procedura di liquidazione volontaria), fallimento, concordato preventivo, amministrazione controllata, o altre procedure concorsuali e, infine, che non abbiano pendenze e/o contenziosi nei confronti del Comune di Venezia. Dopo l’aiuto dato ai cittadini con il rinvio delle scadenze delle imposte comunali, dopo le agevolazioni ai bar e ristoranti sui plateatici, dopo l’aver garantito la gratuità per l’intero 2020 alle associazioni che hanno in concessione uno spazio comunale e gli aiuti alle associazioni e società sportive, ora interveniamo per dare anche ai commercianti un gesto di attenzione. Con i fatti dimostriamo che dall’emergenza si esce tutti assieme, soprattutto, se abbiamo a cuore la nostra Città e la sua ripartenza dobbiamo fare in modo di non lasciare indietro nessuno”.

Share this post

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email