photo_2020-08-19_11-39-26
HOME  /  NEWS

La Giunta, riunitasi ieri in web conference, ha approvato il progetto definitivo per il restauro del cinquecentesco palazzo Soranzo a Murano, in fondamenta Colleoni 15.

Il progetto prevede di eliminare le barriere architettoniche e di mettere in opera un elevatore a servizio di tutti i locali per persone con ridotta capacità motoria. Inoltre si agirà per ridurre le infiltrazioni dal basso con la posa di una guaina, si installeranno nuovi impianti di calore e raffrescamento indipendenti dal compendio sportivo; si interverrà al fine di garantire un consolidamento statico dell’edificio procedendo con il restauro delle murature, il rifacimento degli intonaci e si realizzeranno servizi igienici e locali spogliatoi. Il progetto di restauro prevede lo stanziamento di 2,7 milioni di euro che finanzieranno un cantiere che avrà inizio non appena saranno espletate le fasi di gara d’appalto. In tanti pensavano che questo palazzo, come quello Da Mula, sarebbero stati venduti, il sindaco invece lo aveva promesso proprio nel corso di un incontro con i cittadini di Murano e con l’approvazione di questo progetto definitivo ha mantenuto l’impegno, tanto che proprio in questo edificio troveranno sede al piano terra una serie di servizi pubblici essenziali (uffici ad uso dei vigili urbani e anagrafe) e nel resto dell’edificio stanze da dedicare ad attività di aggregazione per eventi temporanei e mostre, oltre che come sede di associazioni dell’isola di Murano.

Fino al 2016 l’edificio è stato a lungo utilizzato come sede della scuola elementare Ugo Foscolo, che proprio a palazzo Soranzo aveva soggiornato per un periodo. Il fabbricato è di proprietà del Comune di Venezia e accoglieva nei primi due piani l’attività didattica e al piano terzo, nel sottotetto, la segreteria con gli uffici direttivi e amministrativi. L’immobile ha una pianta di circa 430 mq e si erge su tre piani. A seguito della chiusura delle attività scolastiche è stato redatto uno studio di fattibilità per un possibile riuso culturale del palazzo.

“Obiettivo di questa Amministrazione – commenta il sindaco Luigi Brugnaro – è fare in modo che Murano, così come tutto il resto della città, sia interessata da un puntuale e diffuso lavoro di manutenzione e ristrutturazione. Basti pensare che dal 2015 ad oggi abbiamo già investito nell’Isola più di 18 milioni di euro. Nello specifico oltre ai 2,7 milioni stanziati oggi per Palazzo Soranzo, abbiamo già destinato più di 4,5 milioni per le opere di bonifica e urbanizzazione delle ex Conterie ai quali ne sono stati aggiunti altri 6,5 per ricavare nell’Edificio B 16 alloggi in social housing e 2 locali per attività commerciali che si vanno ad aggiungere ai 36 dell’edificio A. Per il recupero di altri 28 appartamenti Erp e non Erp sono stati destinati altri 1,5 milioni di euro ai quali si sono aggiunti altri 744 mila euro per la manutenzione e successiva consegna di ulteriori 14 alloggi mentre con ulteriori 195mila euro è stato possibile effettuare 52 interventi di manutenzione diffusa per sostituzione caldaie, eliminazione perdite d’acqua, riparazione coperture e rifacimento impianti elettrici. Altri 500 mila euro sono andati per la manutenzione delle pavimentazioni in tutta l’Isola e principalmente per le fondamenta dei Vetrai, Da Mula, Colonna e Serenella. A questi si sono aggiunti circa 300 interventi di manutenzione ordinaria tra i quali, ad esempio, la manutenzione di parapetti e piani di calpestio del ponte Lungo, ponte San Donato, ponte Zaniol, ponte San Pietro e ponte santa Chiara, la pulizia delle aree verdi come quella di Sacca Serenella, la manutenzione delle fontane in corte Bigaglia e Bressaggio e la sistemazione del tratto pedonale antistante la chiesa degli Angeli. A questi poi vanno aggiunti i 1,8 milioni circa per l’adeguamento della palestra Leo Perziano con l’abbattimento e il rifacimento, con materiali più leggeri della struttura di copertura e il rifacimento delle tribune, 55 mila euro per la sistemazione del campo da calcio presso il Centro sportivo di Sacca S. Mattia e 25 mila euro per l’eliminazione delle infiltrazioni dal tetto presso la bocciofila per altri 25 mila euro. Tutto questo senza contare i 185 mila euro per la sistemazione del cimitero, i lavori per la realizzazione di 22 nuovi approdi acquei nella darsena in fondamenta Parmense e l’impegno per realizzare 36 spazi acquei a tempo per poter arrivare in barca a Murano e poterla attraccare. E questi sono solo alcuni dei tanti interventi eseguiti nell’Isola che dimostrano che questa Amministrazione al posto di parla e promette come accadeva nel passato, preferisce dimostrare l’impegno con cui lavora attraverso i fatti”.

Share this post

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email