Annotazione 2020-08-22 144958
HOME  /  NEWS

La giunta stanzia 900 mila euro per la manutenzione delle sedi comunali della terraferma Zaccariotto: “Un impegno per renderle sicure e decorose. In 5 anni non grandi opere come nel passato ma tanti interventi diffusi”.

La giunta comunale, riunitasi nei giorni scorsi in web conference, ha approvato, su proposta dell’Assessore Francesca Zaccariotto, il progetto definitivo, comprensivo di quello di fattibilità tecnica ed economica, relativo alle manutenzioni annuali presso gli immobili dell’edilizia comunale della Terraferma.

“Nello specifico – spiega Zaccariotto – si tratta di un investimento di 900mila euro che verranno destinati al mantenimento delle parti edilizie e impiantistiche delle sedi comunali che attualmente ospitano uffici, teatri, biblioteche e sedi sociali al fine di poter svolgere al meglio le funzioni per le quali sono adibite. Un pacchetto importante di risorse per dare lustro ai luoghi della vita sociale e di aggregazione che in questi anni abbiamo cercato, il più possibile, di mantenere e di rendere sempre più accoglienti e sicuri come ad esempio abbiamo fatto in questi anni con la sede del municipio di Mestre che abbiamo finalmente dotato di spazi utili per lo svolgimento della attività amministrativa. Un percorso importante frutto di una scelta che il Sindaco Luigi Brugnaro ha fatto e ha condiviso con tutta la giunta fin dal primo giorno di Amministrazione: non grandi opere ma manutenzioni diffuse e capillari. Avevamo ricevuto un città che negli anni passati aveva fatto altre scelte, aveva preferito destinare milioni e milioni di euro per grandi infrastrutture che oggi stiamo ancora cercando di sistemare come ad esempio il Ponte della Costituzione o il Tram, dimenticando che per invogliare le persone a rimanere a vivere in città dobbiamo assicurare loro la possibilità di poter godere di un territorio comunale ordinato, decoroso, e funzionale. In questa direzione ci siamo mossi. Lo abbiamo fatto con gli interventi sulle scuole, con le asfaltature, con i modifiche viabilistiche per rendere il traffico più funzionale, con elementi d’arredo che facessero belli anche quei quartieri della città un tempo dimenticati, lo abbiamo fatto ampliando il verde pubblico e piantando in appena cinque anni più di 13mila piante e arbusti. Questa è la nostra idea di città. E con quanto abbiamo già realizzato possiamo dimostrare di non esserci mai fermarti alle promesse”.

Share this post

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email